< INDIETRO          

STUTTGART CONSORT
Brass Quintet

tromba  RÜDIGER RUF    
tromba FRANZ TRÖSTER      
corno DARIUSZ MIKULSKI  
trombone ALEXANDER WURZ      
tuba DOMINIK MISTEREK 

Introduzione di Angelo Foletto

Esclusiva per il  Friuli Venezia Giulia 

programma 

George Friedrich Händel (1685 – 1759) Feuerwerksmusik Ouverture
Wolfgang Amadeus  Mozart (1756 – 1791) Rondo (solo per corno)
Leonard Bernstein (1918 – 1970) Suite da West Side Story
Aram Khachaturian (1903 – 1978) Danza delle spade
Harry De Costa (1885 – 1964) / Arr. Henderson, Tuba Tiger Rag
Benny Andersson (1946) / Ulvaes Arr: F. Tröster, Arrival / Abba (solo per tromba)
Enrique Crespo (1941)  Arr: F. Tröster, Ballade for two Wings
Leroy Anderson (1908 – 1975) Arr. Baldwin, Bugler ́s Holiday
Paul Dukas (1865-1935) - Arr. K.C. Kemmerer, Fanfara da  «La Peri»                 
Georges Bizet (1838-1875) -  Arr. B. Holcombe, Carmen Fantasia              
Jacques Offenbach (1819-1880) – Arr. A. Frackenpohl Can Can
Luther Henderson  (1919–2003) The Saints Hallelujah
Irving Berlin (1888-1989) - Arr. A.FernieThere`s no business, like show business

Sala Grande

martedì 10/04/2018
ore 20:45
Abbonamento: AVORIO

Vendita biglietti da:
lunedì 12/03/2018

Questo spettacolo rientra nello speciale pacchetto A Teatro...con gusto! di Pordenone with Love. Leggi qui

Un ensemble di ottoni (due trombe, corno, trombone, tuba) formato da eccellenti musicisti provenienti dal sud-ovest tedesco: professionisti di grande esperienza, vincitori di numerosi premi e concorsi internazionali. Un modo nuovo per comporre una possibile geometria di quintetto: per questo tipo di ensemble il repertorio non ha confini, né limiti. Da Mozart a Bernstein, fino alla celeberrima Danza delle spade di Kachaturian un viaggio musicale attraverso i secoli, tra opere originali e arrangiamenti d’autore. Troppo spesso considerati esclusivamente strumenti d'orchestra, gli ottoni dimostrano attraverso questo programma straordinarie capacità tecnico-espressive. un'occasione unica per scoprire un repertorio che coniuga sapienza compositiva ed estrema godibilità.

GEOMETRIE MUSICALI: IL QUINTETTO

Il progetto speciale per la Stagione 2017/’18 entra nel mondo della musica da camera: di scena il Quintetto, declinato in quattro concerti, pari a quattro diverse geometrie sonore. Nella vasta letteratura per musica da camera, altrettanto nobile rispetto a quella sinfonica, i brani composti per quintetto costituiscono parte importante. Esistono varie tipologie di quintetto, combinazioni diverse a seconda degli strumenti che lo compongono; la formazione più comune è data dal classico quartetto d’archi (due violini, viola, violoncello) cui si aggiungono pianoforte o clarinetto; oppure il quintetto d’archi, integrato da una seconda viola, o da un secondo violoncello, o da un contrabbasso. Esiste anche un quintetto classico nato nell’Ottocento, il “quintetto di fiati” composto da clarinetto, oboe, flauto, fagotto, corno o oboe d’amore. Il percorso di quest’anno, ideato sulla scia dei precedenti cicli dedicati a variazione pianistica, violoncello e violino, apre con una proposta sui Quintetti d’archi nel Romanticismo (Marco Rizzi, Gabriele Pieranunzi, Simonide Braconi, Francesco Fiore, Enrico Bronzi) e procede con il  concerto di uno strepitoso quintetto di fiati, lo Stuttgart Consort. Completano il ciclo due appuntamenti con formazioni di spicco e solisti d’eccezione: il Quartetto Brentano e Alessandro Carbonare al clarinetto, il Quartetto Bennewitz e Alessandro Taverna al pianoforte. I programmi vanno da Brahms a Händel, da Šostakovič ad Albeniz e Offenbach. Tutti i concerti del progetto speciale prevedono introduzioni all’ascolto a cura di Angelo Foletto. 



BIGLIETTI

GRUPPO D (MUSICA):  

InteroRidotto*Studenti**
Settore unico € 23,00€ 21,00€ 15,00