INGRESSO LIBERO E GRATUITO PREVIA RITIRO DEL BIGLIETTO IN BIGLIETTERIA

 

giovedì 9 marzo

ore 18.30 - foyer
Anteprima del nuovo libro inedito

La signora dai mocassini blu
di Ludovica Cantarutti

ingresso riservato al pubblico del concerto,
posti limitati, con prenotazione

ore 19.30 – bar del teatro

Buffet
Una squisita pausa prima del concerto
€ 9,00 a persona con prenotazione

ore 20.45 -  sala grande

Concerto – La voce del Violino

Trio Metamorphosi

Mauro Loguercio violino

Angelo Pepicelli pianoforte

Francesco Pepicelli violoncello

musiche di Beethoven, Schumann, Vacchi

ingresso con biglietto € 20, ridotto pensionati € 18, ridotto studenti € 15

 

Per prenotazioni e biglietti:

Biglietteria tel. 0434 247624

…..

La signora dai mocassini blu
di Ludovica Cantarutti

Nella sua vita di grande scrittore dell'idealità, della verità, dell'etica, uno dei più grandi del Novecento, Albert Camus sperava (forse) in un possibile cambiamento del genere umano verso l'abbandono, quantomeno, dell'ipocrisia. Sperava insomma in una metamorfosi dell'umanità. È uno dei motivi per cui abbiamo legato il pre-spettacolo intitolato La signora dai mocassini blu, lettura scenica scritta da Ludovica Cantarutti che ha per protagonista il grande scrittore algerino, al concerto del “Trio Metamorphosi”, che con il loro processo continuo di cambiamento invocano, pur con “strumenti” diversi, lo stesso cambiamento al quale anelava Camus.

 

 

Il bicchiere scintillante è il tema del primo appuntamento speciale natalizio che il Teatro organizza per lunedì 12 dicembre, inserito in un calendario di eventi che avranno come cornice gli spazi accoglienti dei foyer, aperti peraltro ogni pomeriggio, fino al 23 dicembre, per visite alla mostra “Dipingo le tue parole”, del pittore friulano Toni Zanussi, inserita nelle celebrazioni per il centenario di padre Turoldo.
Alle 18.30, va in scena il gusto! Per la prima volta nel Nordest sarà presentata la prestigiosa guida del Touring Club Italiano Vinibuoni d'Italia 2017, arrivata alla quattordicesima edizione, a cura dei coordinatori regionali Stefano Cosma e Paolo Ianna. Sarà accompagnata da una degustazione, condotta da Rossana Bettini Illy (titolare di Enjoy Italy a Lubiana) assieme a Stefano Cosma, di sei straordinari vini spumanti, firmati da Andreola, Berlucchi Guido, Andrej Bole, Conte d'Attimis-Maniago, Rebula e Villa Parens, con assaggi in abbinamento curati dal Ristorante Moderno di Pordenone

(Il costo d’ingresso è di 15 euro a persona, i posti sono limitati; è necessaria la prenotazione, tel. 0434 247624, biglietteria@comunalegiuseppeverdi.it).

 

lunedì 12 dicembre
ore 18.30, ingresso principale

Il bicchiere scintillante

presentazione della guida Vinibuoni d'Italia 2017 - Touring Club Italiano
a cura dei coordinatori regionali Stefano Cosma e Paolo Ianna

degustazione di spumanti con confronti fra note gusto-olfattive e note storiche
condotta da Rossana Bettini Illy assieme a Stefano Cosma

sei meravigliosi vini, da prestigiosi vitigni:

interpretazioni della Glera

  • Prosekar spumante extradry di di Andrej Bole, Trieste
  • Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg Brut Rive di Col San Martino
    26° Premio 2015 di Andreola (Corona), Farra di Soligo (Tv)

versioni di Gargania/Ribolla

  • Br’stovska penina Vitovska spumante metodo classico dell'azienda Rebula, Komen -Slovenia
  • Ribula brut metodo Charmat del Conte d'Attimis-Maniago, Buttrio

i Perlage metodo classico

  • Franciacorta Docg Brut Nature ‘61 2009 (Corona) di Berlucchi Guido, Corte Franca
  • Blanc de Blancs Extra Brut (Golden star) di Villa Parens, Farra d’Isonzo

 

food in abbinamento curato da Ristorante Moderno - Pordenone

   

           

 

INGRESSO GRATUITO - Ritira il biglietto gratuito in biglietteria
info 0434 247624

 

domenica 22 gennaio, ore 11 - Storia e identità d’Italia

L’identità nazionale nella storia e nella cultura: una riflessione in cerca dei momenti cruciali nella costruzione dell’italianità, un’analisi per rovesciare o motivare luoghi comuni e stereotipi attraverso la rilettura di grandi uomini, episodi significativi e tratti salienti della storia d’Italia.

Intervengono Guido CrainzMarcello Veneziani, Modera Armando Torno

Guido Crainz Docente di Storia contemporanea all’Università di Teramo e commentatore di “La Repubblica”, ha pubblicato con Donzelli Il dolore e l’esilio. L’Istria e le memorie divise d’Europa (2005), Autobiografia di una repubblica (2009) e Storia della Repubblica. L’Italia dal 1945 ad oggi (2016).

Marcello Veneziani Ha fondato e diretto riviste, scritto su vari quotidiani e settimanali ed è stato commentatore della Rai. Fra i suoi lavori, La cultura della destra e La sconfitta delle idee (Laterza), I vintiContro i barbari e Lettera agli italiani (Mondadori). È uscito ora Alla luce del Mito (Marsilio).

Armando Torno Giornalista e scrittore, responsabile della cultura de “Il Corriere della Sera” e de “Il Sole 24 Ore” per un quindicennio, poi editorialista dei due quotidiani. Ha scritto numerosi saggi e introduzioni a testi classici e contemporanei. Tra le sue ultime pubblicazioni, Elogio delle illusioni (Bompiani, 2013) e il saggio introduttivo a David F. Strauss, La vita di Gesù o esame critico della sua storia (La Vita Felice, 2014); il dialogo con Riccardo Chailly con l’introduzione di Gianantonio Borgonovo sulla Messa da Requiem di Giuseppe Verdi (edito da Teatro alla Scala e Scuola della Cattedrale del Duomo di Milano).

domenica 26 febbraio, ore 11 - La lingua assediata

Componente imprescindibile di ogni comunità nazionale, la lingua s’intreccia a ogni aspetto della vita di un popolo, riflettendone le caratteristiche e ponendosi a sua volta come elemento dinamico della politica e della società. Dal latino agli anglicismi, un vasto affresco della lingua italiana e della sua evoluzione e quindi, inevitabilmente, della nostra.

Conversano Stefano BartezzaghiPaolo Medeossi

Stefano Bartezzaghi Laureatosi sotto la guida di Umberto Eco, ha condotto rubriche radiofoniche per Radio Due ed è stato consulente culturale alla direzione di Radio Rai e a note trasmissioni televisive. Cura rubriche su giochi, libri e sul linguaggio per “La Stampa”, “La Repubblica”, “Vanity Fair” e “L’Espresso”.

Paolo Medeossi Giornalista, è stato caporedattore al “Messaggero Veneto” di Udine, dove si è occupato di cronaca e cultura. Tra i fondatori de “I Cercaluna” con Pierluigi Cappello, dell’Associazione Colonos e della Cooperativa Pavees, è stato fra i curatori di Nostra preziosa eresia e Augh, dedicati a Federico Tavan.

 

SCOPRI, RISOLVI E CONDIVIDI IL CRUCIVERBA DI #ÈSTORIATEATRO SULLA LUINGUA ITALIANA (clicca qui)

 

domenica 26 marzo, ore 11 - Gli italiani al tempo della crisi

La crisi, l’Italia e l’Europa. Qual è il reale impatto della crisi finanziaria iniziata nel 2008? La risposta non può limitarsi né al contesto italiano né all’ambito finanziario. Il profondo cambiamento in atto nel Belpaese è parte integrante di un più ampio contesto che, sullo scenario europeo, tocca i cruciali temi dell’economia e dell’integrazione, partendo dalle loro conseguenze sulla nostra vita quotidiana.

Intervengono Roberta CarliniValerio Castronovo

Modera Piercarlo Fiumanò

Roberta Carlini Giornalista e scrittrice. Si occupa di economia, politica, società, lavoro, questioni di genere. Collabora con “Internazionale” e “L’Espresso”. È stata vicedirettrice de “Il Manifesto”. Ha scritto Come siamo cambiati, Gli italiani e la crisi (Laterza, 2015) e L’economia del noi (Laterza, 2011).

Valerio Castronovo Collabora al “Sole 24 Ore”, insegna alla Luiss e dirige la rivista “Prometeo”. Fra i suoi studi più recenti Le ombre lunghe del ‘900 (Mondadori, 2010); Il capitalismo ibrido. Saggio sul mondo multipolare (Laterza, 2011); L’Europa e la rinascita dei nazionalismi (Laterza, 2016). 

Piercarlo Fiumanò Giornalista de "Il Piccolo", caposervizio economia e finanza. È laureato in storia contemporanea.

Il Circolo della stampa di Pordenone aderisce all'iniziativa: la partecipazione all'evento dà diritto a crediti formativi per i giornalisti

​​

 

 

domenica 23 aprile, ore 11 - L’Italia in scena

Il Teatro come scena dei processi identitari del paese. L’analisi dei grandi artisti che hanno segnato l’identità della nazione facendo del palcoscenico un’Agorà civile critica, partecipata e autorevole su scala locale, nazionale e internazionale.

Conversano

Claudio LonghiPaolo di Paolo

Gli ospiti:

Claudio Longhi È direttore artistico e regista teatrale italiano, e professore ordinario in Discipline dello spettacolo all’Università di Bologna, dove insegna Storia della regia e Istituzioni di regia. Si è occupato di storia della drammaturgia, della regia e dell’attore.

Paolo di Paolo Scrittore, è autore di romanzi, testi teatrali e libri per ragazzi. È stato vincitore del Premio Mondello e finalista del Premio strega 2013 con il romanzo Mandami tanta vita. Suo il testo teatrale Istruzioni per non morire in pace, con la regia di Claudio Longhi.

 

Il Circolo della stampa di Pordenone aderisce all'iniziativa: la partecipazione all'evento dà diritto a crediti formativi per i giornalisti

 

 

 

 

 

 

Il Premio

Istituito nel 2015 dal Teatro Comunale Giuseppe Verdi di Pordenone, il “Premio Pia Baschiera Tallon” è assegnato a didatti e musicologi capaci di accrescere la passione per la musica presso le giovani generazioni. È intitolato a una docente che ha trasmesso a generazioni di allievi l’amore per il pianoforte. A partire da questa edizione 2017 il riconoscimento - diventa “Premio Città di Pordenone”, a sottolineare il valore universale dell’iniziativa

Edizione 2017 a Salvatore Sciarrino

Raffinato pedagogo, considerato tra i migliori compositori al mondo in attività, Sciarrino è universalmente riconosciuto come una delle voci più originali del nostro tempo. Animato da spirito di ricerca incessante, ha dato impulso decisivo al rinnovamento della musica contemporanea. Docente e autore della maggior parte dei libretti delle proprie opere teatrali, ha una ricca produzione di articoli, saggi e volumi. Ha pubblicato con Ricordi dal 1969 al 2004: dall’anno seguente l’esclusiva delle sue opere è passata a RAI Trade. La sua discografia vanta oltre 100 cd editi dalle migliori etichette in ambito internazionale. Nel novembre 2017 è prevista la prima mondiale di Ti vedo, ti sento, mi perdo, opera commissionata dal Teatro alla Scala di Milano e dalla Staatoper di Berlino.

 

Salvatore Sciarrino (1947) è uno dei più interessanti e autorevoli compositori del nostro tempo. “Leone d’oro alla carriera 2016 – La Biennale di Venezia” per aver scoperto ‘un mondo di suoni inaudito’, ha insegnato nei Conservatori di Milano, Perugia e Firenze. Ha collaborato con istituzioni come Teatro alla Scala, Accademia di Santa Cecilia, Rai, Teatro La Fenice di Venezia, London Symphony Orchestra, Festival di Salisburgo. La sua discografia vanta oltre 100 cd editi dalle migliori etichette in ambito internazionale, più volte segnalati e premiati. Autore della maggior parte dei libretti delle proprie opere teatrali, Sciarrino ha una ricca produzione di articoli, saggi e volumi. 

 

Concerto  e cerimonia di consegna

Conferimento del Sigillo della Città
da parte del Sindaco di Pordenone
Alessandro Ciriani

Cosegna del Premio
Città di Pordenone
Pia Baschiera Tallon - Educare alla musica 2017

Consapevole che il compositore è un esploratore e deve ‘proiettarsi in altre dimensioni’, Sciarrino indaga il confine tra suono e silenzio. Invita a recuperare un grado zero dell’ascolto, da cui ripartire. Per lui la tradizione è identità, e la musica è una costante rilettura del passato. Con un programma interamente dedicato alle sue musiche, il compositore sarà protagonista della serata insieme alla voce di Cristina Zavalloni, al M° Marco Angius sul podio e all’Orchestra di Padova e del Veneto.

OMAGGIO A SALVATORE SCIARRINO

Orchestra di Padova e del Veneto

MARCO ANGIUS direttore
CRISTINA ZAVALLONI voce
SALVATORE SCIARRINO relatore e argomentatore 

musiche di

Salvatore Sciarrino (1947) 
Mozart a nove anni
Efebo con radio
​Canzoni del XX secolo 

Nel corso della serata si terrà la cerimonia di consegna del Premio Città di Pordenone  “Pia Baschiera Tallon” 

 

Il nuovo libro di poesie di Gian Mario Villalta

Prosegue martedì 20 dicembre, alle 20.45, con la serata fra conversazioni e letture, “un intenso viaggio sul confine delle parole, un brindisi di amicizia e festività”, il Natale nei foyer del Teatro, che con questo nuovo appuntamento speciale rinnova inoltre la collaborazione con pordenonelegge, nel segno del comune obiettivo di fare di Pordenone la Città della Poesia, progetto che da qualche anno si esprime in tempi e modi diversi.

Atteso ospite sarà Gian Mario Villalta: l’occasione è infatti offerta da “Telepatia”, l’ultimo libro di poesia di Villalta, che ha inaugurato la collana “Gialla Oro” di Lieto/Colle-pordenonelegge. Uscito nel giugno 2016, accoglie 19 poemetti, ognuno dei quali è un itinerario a tappe forzate dentro un momento della vita, ricordato o trasfigurato, alla ricerca di una verità più essenziale di quanto è soltanto accaduto.
La parola sta sulla soglia tra la realtà che viene ai sensi e quell’oltre che i sensi aprono al sentire, e che aspira a ricomporre in una forma l’emozione e il pensiero, le immagini e il suono, in quel respiro più ampio che chiamiamo poesia.

Nel corso dell’incontro, le letture di Gian Mario Villalta saranno ricondotte ai temi principali del libro e alla risonanza del loro effetto nel dialogo con Antonella Silvestrini.

L'ingresso è gratuito, i posti sono limitati, è necessaria la prenotazione allo 0434 247624 biglietteria@comunalegiuseppeverdi.it

Gian Mario Villalta, insegnante di liceo e direttore artistico del festival pordenonelegge, ha scritto sulla poesia e sui poeti. Tra gli altri: Il respiro e lo sguardo. Un racconto della poesia italiana contemporanea (Rizzoli, 2005), Andrea Zanzotto, Scritti sulla letteratura (Mondadori, 2001), Andrea Zanzotto, Le Poesie e prose scelte (I Meridiani Mondadori 1999, con Stefano Dal Bianco). Come narratore ha pubblicato con Mondadori una raccolta di racconti e quattro romanzi. In poesia: Vose de Vose / Voce di voci (Campanotto, 1995, Premio Lanciano), Vedere al buio (Sossella, 2007), Vanità della mente (Mondadori, 2011, Premio Viareggio, Premio Diego Valeri).

Antonella Silvestrini, psicanalista, integra la formazione e la pratica psicanalitica con la ricerca intorno alla letteratura, interessandosi dell’intersezione tra psicanalisi, arte e scrittura, argomento su cui ha tenuto vari corsi e seminari anche in ambito universitario. È presidente dell’associazione “la cifra” di Pordenone. Collabora con la casa editrice Spirali, di cui coordina l’ufficio stampa.

IN COLLABORAZIONE CON